Le sue proprietà benefiche
per la salute

Un grano piccolo, ma sano ed economico!

I fagioli bianchi, come tutti i legumi secchi, sono fra gli alimenti di origine vegetale più ricchi di proteine. Inoltre, sono privi di grassi. Queste due caratteristiche ne fanno un alleato importante per la salute, in grado di contribuire a un regime alimentare equilibrato, a minor costo!

Contiene anche:

  • ferro
  • calcio.

Infine, è ricco di potassio e povero di sodio, caratteristica che gli conferisce naturalmente virtù diuretiche.

Il fagiolo bianco è anche:

  • fonte di vitamina B9 (rinnovo cellulare, molto interessante per le donne in gravidanza per lo sviluppo del feto e per i bambini in crescita, nonché per le persone convalescenti).
  • fonte di potassio (sistema nervoso, funzionalità muscolare, pressione sanguigna)
  • fonte di magnesio (riduzione della stanchezza, energia, sintesi delle proteine, contrazioni muscolari, trasmissione nervosa, salute di ossa e denti)
  • fonte di fibre (regolazione del transito intestinale, sazietà)

Qual è il momento
giusto per mangiarlo?

Tutto l’anno.

Il fagiolo bianco è disponibile tutto l’anno, perché si consuma secco e in genere appertizzato!

  • gennaio
  • febbraio
  • marzo
  • aprile
  • maggio
  • giugno
  • luglio
  • agosto
  • settembre
  • ottobre
  • novembre
  • dicembre

Orto o
balcone di città?

Il fagiolo bianco è una pianta annuale, spesso semieretta o rampicante. Ogni baccello contiene da 4 a 12 grani, reniformi e di colore bianco. La coltura del fagiolo bianco richiede un terreno che non sia né troppo acido, né troppo calcareo.

Per maggiori informazioni sulla coltivazione del fagiolo bianco, consultate la sezione dedicata esclusivamente ai consigli degli esperti.

Scelta
e conservazione

Per scegliere i fagioli bianchi:

  • Optate per i più “freschi”, controllando la data di scadenza: più è lontana, più i fagioli bianchi sono digeribili e dunque meno inclini a provocare problemi digestivi (flatulenze, borborigmi).

Per conservare i fagioli bianchi:

  • All’asciutto, al riparo dalla luce, per non più di 1 anno.

Piccoli trucchi
e consigli pratici

Preparazione del fagiolo bianco…

Se sono secchi, metteteli in ammollo prima della cottura! Una notte nell’acqua fredda li rende più digeribili, insieme a una prima cottura in acqua (sbollentatura) per qualche minuto. In seguito, cambiate acqua per continuare la cottura, a fuoco basso, aggiungendo eventualmente aromi o altre verdure.

Cotti a fuoco lento a lungo, oppure in scatola o sotto vetro, con aromi e in particolare con della santoreggia – che i tedeschi chiamano “erba per fagioli” – sono eccellenti e molto digeribili.

Il fagiolo bianco si abbina con:

Cotto. Non si cucinano cassoulet in Francia, baked beans in Inghilterra o fabada asturiana in Spagna senza il fagiolo bianco! Poco farinoso, è ideale per il cassoulet e tutti i piatti che gli assomigliano. In queste ricette, il fagiolo è cotto a fuoco lento, a lungo, con pancetta, salsicce o altri prodotti di salumeria grassi. Sono deliziosi nei ragù e nel cassoulet perché assorbono gli aromi degli alimenti uniti nella cottura a fuoco lento. L’alchimia che si produce consente di ottenere piatti abbondanti ma comunque corposi, digeribili e nutrienti.

Il fagiolo bianco cotto è anche una buona base per le insalate miste. Si abbina perfettamente con le erbe aromatiche e la vinaigrette ben saporita. La santoreggia, il prezzemolo e il dragoncello permettono di dare vita a sapori raffinati, delicati e quasi tendenti al dolce.

Tutti la
mangiano?!

haricot-blanc-veloute-bonduelle

Bambini più piccoli

Il fagiolo bianco può essere causa di problemi intestinali per il bebè o difficile da masticare, oltre a creare rischi di difficoltà nella deglutizione. Per questo è preferibile non offrirlo prima dei 15 mesi.

E tutti gli altri…

Per beneficiare al meglio delle proteine delle leguminose, è necessario aggiungere ai fagioli bianchi un prodotto cerealicolo o noci e semi. Infatti i fagioli bianchi, come le altre leguminose, non contengono tutti gli amminoacidi (molecole che formano le proteine) di cui il nostro corpo ha bisogno. Sono ricchi di lisina (un amminoacido), ma contengono pochissima metionina (un altro amminoacido essenziale). I prodotti cerealicoli (grano, riso, ecc.), le noci e i semi contengono gli amminoacidi essenziali che mancano o sono presenti in scarse quantità nelle leguminose. Si tratta dunque di una combinazione vincente!

Venite a conoscere altri trucchi per fare mangiare le verdure ai bambini

Da dove
proviene?

Origini. I principali paesi produttori di fagioli secchi sono India, Brasile, Messico, Stati Uniti, Indonesia e Cina.  Circa l’85% dei fagioli secchi sono consumati nei paesi di coltivazione. Tuttavia, in India e in Cina si consumano soprattutto fagioli “vigna”, in particolare il fagiolo mungo.

Varietà. Esistono più varietà di fagioli bianchi:

  • il fagiolo bianco, piuttosto grande e con estremità più squadrate;
  • il fagiolo bianco nano, più piccolo del bianco;
  • il fagiolo Great Northern, di dimensioni medie, tondo e con estremità arrotondate;
  • i cannellini, con estremità squadrata e particolarmente diffusi in Italia;
  • il piccolo bianco, ovale e con le dimensioni di un pisello;
  • il fagiolo canneberge (romano), grosso e tondo – detto “fagiolo coco” in Europa.

Tutte queste varietà di fagioli hanno un sapore dolce, più del fagiolo rosso.