La verità sulle verdure in conserva e surgelate

canned-légumes en conserve-surgelés-fondation-bonduelle© Shuttertsock

Freschezza, conservanti, vitamine: i luoghi comuni sulle verdure in conserva o surgelate sono numerosi. Sono davvero legittimi e fondati? Le verdure pronte per l’uso presentano vantaggi interessanti.

Verdure pronte per l’uso quando sono ultra fresche

Per quanto possa sembrare ovvio, spesso è necessario rammentare che conserve e buste di verdure surgelate contengono ortaggi coltivati… in piena terra! Come tutte le verdure fresche!

Le verdure destinate alla conserva e alla surgelazione sono raccolte nella giusta fase di maturazione, quando le loro qualità gustative e nutrizionali sono ottime. Fra la raccolta, l’immediato trasporto in stabilimento e il processo di conserva, trascorrono non più di 5 ore. Questo lasso di tempo estremamente ridotto, che garantisce freschezza assoluta, consente di preservare i benefici delle verdure (vitamine, minerali e fibre) e il loro sapore.

La conservazione dei valori nutrizionali dei vari ortaggi è garantita principalmente dalla fase di scottatura, durante la quale le verdure sono sottoposte ad alte temperature per pochissimi minuti, allo scopo di preservarne i colori naturali e il pieno sapore. Ecco perché si può affermare che grazie a conserve e surgelati le verdure “di stagione” sono disponibili tutto l’anno!

Niente conservanti… nelle verdure in conserva

Un altro luogo comune: la presenza di conservanti nelle conserve. È falso! Le conserve sono prive di conservanti. Il solo processo di appertizzazione è sufficiente a conservarle! Gli ingredienti aggiunti alle verdure al naturale sono sale, acqua e aromi (o poco zucchero nel caso dei piselli al vapore, come la legislazione in materia impone).

Le vitamine sono preservate

L’effetto delle tecniche di conserva sui parametri nutrizionali genera perdite paragonabili, in ogni caso, agli effetti della cottura domestica. La cottura distrugge la vitamina C, è vero… Ma non del tutto! Gli spinaci appertizzati o le patate cotte sono ancora una buona fonte di vitamina C. La vitamina C è particolarmente sensibile alla luce e all’ossigeno: se non utilizzate immediatamente le verdure fresche cotte, la vitamina C rischia di scomparire del tutto! I benefici delle verdure in conserva, surgelate o fresche sono dunque quasi identici. Ecco perché fresche, in conserva o surgelate, tutte le forme di verdura contano… fra le 5 porzioni di frutta e verdura quotidiane.