• Il beta-carotene è un precursore della vitamina A
  • Si trasforma in vitamina A all’occorrenza
  • È presente esclusivamente nel regno vegetale
  • La vitamina A è molto importante per la visione notturna
  • Il beta-carotene è un potente antiossidante
  • Si assimila meglio dopo la cottura nei grassi

Perché assumerne
tutti i giorni?

La vitamina A è indispensabile a tutte le età! Il suo apporto deve essere quotidiano sotto forma di vitamina A attiva (il retinolo), che si trova negli alimenti di origine animale (carne, pesce, prodotti caseari…), e di beta-carotene o provitamina A, di origine vegetale.

Il beta-carotene viene trasformato in vitamina A dal fegato quando serve. È il più potente precursore della vitamina A, insieme ad altri carotenoidi quali l’alfa-carotene e la beta-criptoxantina.

A cosa
servono?

La vitamina A è la “vitamina della vista” per eccellenza, specialmente della vista notturna, ma influisce anche su molte altre funzioni dell’organismo, come la crescita, il rinnovamento dei tessuti (pelle, mucosa intestinale) o il sistema immunitario. Interviene inoltre nel processo di cicatrizzazione delle ferite e protegge la pelle dalle aggressioni esterne, ad esempio dal sole.

Oltre alle proprietà della vitamina A, il β-carotene possiede importanti proprietà antiossidanti associate alla riduzione del rischio di cancro a vescica, bocca, laringe, vie respiratorie, seno, esofago e probabilmente anche al colon.

Quali sono gli apporti raccomandati?

Le bêta-carotène ou provitamine A

Dove
trovarlo?

Il beta-carotene o provitamina A si trova esclusivamente negli alimenti di origine vegetale, ad eccezione delle uova e del burro.

Gli beta-carotene
nelle verdure

Alimenti più ricchi di beta-carotenemg/100 g
Acetosa11
Rapa7
Cerfoglio6,2
Carota6
Tarassaco6
Spinaci5,5
Prezzemolo5
Albicocca4
Pesca noce2
Tuorlo d’uovo2
Scarola2
Cicoria1,8
Cavolo rosso1,5
Pesca secca1,2
Lattuga1
Uovo intero0,6
Burro0,5
Fonte: Ciqual

Luoghi comuni sul beta-carotene

Si può prendere il beta-carotene come integratore in dosi elevate… Niente di più falso! Il World Cancer Research Fund ha dimostrato in modo convincente che l’assunzione quotidiana di un integratore a base di beta-carotene aumenta il rischio di tumore al polmone nei fumatori o nei soggetti esposti all’asbesto. Per precauzione, quindi, è preferibile privilegiare l’apporto di beta-carotene attraverso l’alimentazione.

Le bêta-carotène ou provitamine A

Quali sono le sue
caratteristiche specifiche?

Quando preparate verdure ricche di beta-carotene, come la carota, utilizzate sempre un po’ di olio o di burro/margarina per favorire l’assimilazione di questa provitamina liposolubile…

E se non ne consumo
abbastanza o ne consumo troppi?

Il calo dell’acuità visiva, soprattutto nella visione notturna, è uno dei primi sintomi evidenti di carenza di vitamina A nell’uomo. Una carenza grave può sfociare in una cecità irreversibile. Se la carenza si prolunga nel tempo può anche diventare mortale. In generale, la carenza di vitamina A si manifesta anche tramite pelle pallida e secca, comparsa di congiuntivite, ipersensibilità alle infezioni, rallentamento della crescita e problemi riproduttivi.
Alcuni soggetti possono essere più predisposti alla carenza di provitamina A, in particolare: le gestanti, i fumatori, gli anziani, i diabetici, gli alcolisti cronici, i malati di tumore, i sieropositivi, le persone esposte al sole, le persone affette da problemi alla pelle o allergie.

A differenza della vitamina A, un eccesso di precursore non genera tossicità, ma solamente una colorazione gialla della pelle che è reversibile e non comporta pericoli. La provitamina A non si trasforma in vitamina A, se non in funzione delle necessità dell’organismo. Inoltre, poiché il suo assorbimento da parte dell’organismo è scarso, non sussistono rischi effettivi di sovradosaggio.
Un eccesso di vitamina A può invece risultare tossico, anche se in rari casi. Tuttavia la prudenza è d’obbligo durante la gravidanza, dato che un eccesso di vitamina A può portare a malformazioni congenite. Proprio per questo si sconsiglia alle donne incinte di mangiare fegato (l’alimento più ricco di vitamina A). Al contrario, gli apporti alimentari di beta-carotene non presentano pericoli.