Spreco alimentare, quali soluzioni?

Spreco alimentare-gaspillage-alimentaire-food-waste-bonduelle©Shutterstock

Nel 2050 la terra avrà 2,3 miliardi di abitanti in più. Gli esperti sono categorici: l’incremento della produzione non sarà sufficiente se il volume dei rifiuti rimarrà all’attuale livello. È possibile però realizzare dei progressi, basati su una volontà comune.

Lo spreco alimentare mondiale: 1,3 miliardi di tonnellate all’anno!

Su base mondiale, il volume totale di cibo perso o sprecato ogni anno ammonta a 1,3 miliardi di tonnellate, dalla produzione iniziale fino al consumo finale casalingo. È come dire più della metà della produzione mondiale di cereali. Parallelamente, la popolazione mondiale cresce a ritmi assai elevati! È dunque necessario esplorare i modi e i mezzi da implementare nell’ambito della catena alimentare, con una revisione e una riflessione sulle reali necessità dei consumatori. Alcuni miglioramenti potrebbero essere apportati in ogni singola fase e tutti gli attori coinvolti devono mobilitarsi per trovare soluzioni per “nutrire di più e meglio” una popolazione in costante crescita.

Come limitare perdite e sprechi alimentari?

Oggi il problema delle perdite e degli sprechi di cibo nel mondo è al centro di grande attenzione. Un fenomeno di una così vasta portata deve essere sicuramente considerato parte integrante dei nostri sistemi alimentari a livello globale. In questo senso si pongono due importantissime sfide: assicurare un’alimentazione sufficiente e di qualità per tutti e limitare l’impatto sull’ambiente della produzione alimentare.

La riduzione delle perdite e dello spreco di cibo rappresenta una leva fondamentale per costruire un sistema alimentare sostenibile e che affronti efficacemente la domanda mondiale crescente. Inoltre,
la battaglia per diminuire gli sprechi coinvolge tutti gli attori della catena alimentare

La Louis Bonduelle Foundation presenta, in questo studio, un’analisi di scenario sul tema dello spreco alimentare nel mondo e mostra, stilando una lista dei possibili interventi da compiersi su ogni livello della produzione e del consumo di cibo, che con l’impegno di tutti si può vincere la lotta allo spreco.