Le sue poprietà benefiche
per la salute

Fonte di glucidi

La tuberina è ricca di glucidi, con un apporto di calorie simile ai tuberi, come la patata. Dal punto di vista nutrizionale è poco studiata e non sono disponibili molti dati precisi sul suo tenore di micronutrienti.

Qual è il momento
giusto per mangiarla?

In inverno.

E’ una pianta che si raccoglie a novembre. Si trova sugli scaffali fino a marzo.

  • gennaio
  • febbraio
  • marzo
  • aprile
  • maggio
  • giugno
  • luglio
  • agosto
  • settembre
  • ottobre
  • novembre
  • dicembre

Orto o
balcone di città?

La tuberina è una pianta rizomatosa (radice sottoterra robusta), che predilige un terreno lievemente sabbioso, privo di ristagni d’acqua e ricco di sostanza organica, e un’esposizione in pieno sole.

Per maggiori informazioni sulla coltivazione della tuberina, consultare la sezione dedicata esclusivamente ai consigli degli esperti.

Scelta
e conservazione

Per scegliere le tuberine:

  • I tuberi devono essere ben sodi, non gommosi, color bianco latte e senza macchie brune.

Per conservare le tuberine:

La durata di conservazione all’aria è breve, data la sua tendenza a ossidarsi.

  • In frigorifero: da 2 a 3 giorni nel comparto verdure.

Piccoli trucchi
e consigli pratici

Preparazione della tuberina…

La tuberina deve essere lavata accuratamente e pulita dalla terra, perché non va pelata.

La sua cottura è molto rapida, meglio se a vapore (non più di 10 – 12 minuti), per preservarne la croccantezza.

La tuberina si abbina con…

Può essere gustata in insalata, gratinata o rosolata in padella.

E’ un ottimo contorno per carni arrosto in salsa, prosciutto crudo, lardo e pancetta, nonché per pesci come la sogliola o la trota. Si abbina molto bene con la panna da cucina.

Ottima anche con erbe come prezzemolo ed erba cipollina.

Tutti la
mangiano?!

crosne-cuire-bonduelle

Bambini più piccoli

La tuberina può essere offerta ai bambini, in una padella di legumi, dai 12 mesi di età. Il suo sapore leggermente dolce, fra il carciofo e la scorzonera, piace. E il suo aspetto a spirale è divertente per i più piccoli.

E tutti gli altri…

Questo ortaggio, apprezzato e conosciuto dagli anziani, lo è anche dalle nuove generazioni, che lo hanno riscoperto da quando è di nuovo disponibile sugli scaffali. Il suo sapore e la sua forma atipica piacciono e possono dare un tocco di originalità ai piatti, per tutte le età.

Venite a conoscere altri trucchi per fare mangiare le verdure ai bambini

Da dove
proviene?

Origine : Originaria dell’Estremo Oriente, dove è un alimento tradizionale, la tuberina è stata importata in Europa, in particolare in Francia, alla fine del XIX° secolo, e introdotta nel villaggio di Crosne (Essonne – Francia), che le ha dato il nome!

Varietà : Si tratta di un piccolo ortaggio da radice rustico, che deriva da una pianta erbacea, perenne e a tubercoli, che formano ciuffi alti da 30 a 40 cm. I tubercoli, di colore bianco madreperlaceo, si sviluppano in strutture circolari piuttosto piccole su radici che crescono sottoterra. Hanno una forma ad anello che assomiglia a una conchiglia. E’ nota anche come carciofo cinese, pur non avendo legame alcuno con il carciofo.